Immagine di home page
Cosa fare se il bambino, educazione del bimbo, giochi per bambini, filastrocche, scuola, libri, tv, videogiochi, fiabe, poesie, asilo, apprendimento

   
 
L'esperto risponde
Cosa fare se
Approfondimenti
La socializzazione
Giochi per bambini
Ninne nanne
Indovinelli
Poesie per bambini
Fiabe per bambini
Il castigo
Asilo nido
 
 


..Leggi Le Nostre Meravigliose Filastrocche..
 
 


  Si autopunisce / si mette in punizione

Domanda: Buongiorno, siamo i genitori di un bambina di quasi 7 anni che da un po’ di tempo quando compie una cattiva azione o è contrariata si auto-punisce colpendosi sul viso (schiaffi o pugni a seconda di quello che lui considera la gravità dell'accaduto).
In altre occasioni si mette in punizione da sola.
Ci tengo a precisare che noi non "alziamo" le mani, ma come metodo educativo abbiamo usato, soprattutto quando era più piccola, "la punizione" che consisteva nel metterla seduta per qualche minuto fino a che non aveva il permesso di alzarsi, poi quando si era calmata gli spiegavamo il motivo della punizione e gli chiedevamo di non farlo più.
Siamo in una situazione di “normalità”?
Come possiamo comportarci per essere efficaci nel migliore dei modi in questa situazione?
Grazie, Maurizia e Fabio.

Riposta dell'esperto: Cari genitori, la prima cosa che mi preme sottolineare è che il comportamento che mi avete descritto non è affatto insolito.
Si tratta di un modo di agire che talvolta i bambini assumono di fronte ad un diniego o ad un rimprovero per manifestare il loro disappunto o la loro frustrazione.
L’emozione che la vostra bambina sta cercando di esprimere è quella della collera.
Si tratta del primo passo nel processo di accettazione delle frustrazioni: vostra figlia deve poter vivere la sua collera, per accettare la rinuncia o il rifiuto che in quel momento affronta e infine accettarlo.
Il passare attraverso questa emozione le permette quindi di ritrovare il suo equilibrio.
Spesso la collera viene confusa con la violenza ma, mentre la violenza è distruttiva, essa è costruttiva perché ci permette di passare oltre.
Quello che dobbiamo fare in queste situazioni è impedire che la collera della bambina si trasformi in violenza, che in questo caso lei tende a sfogare su se stessa.
La vostra bambina va accolta anche in questa sua manifestazione di aggressività e va accompagnata a trovare un modo diverso e più adeguato di esternarla.
Potete esprimervi con frasi come “capisco che tu sia arrabbiata” o “vedo che sei arrabbiata, ma questo non è il modo di dimostrarlo” e magari provare a trovare una maniera alternativa di esprimere la sua collera.
Con i bambini più piccoli dopo che la crisi sarà passata un abbraccio li aiuterà a rilassarsi e si sentiranno accolti, con i più grandi si possono trovare soluzioni diverse per aiutarli a esprimere la loro frustrazione.
In queste situazioni essere un po’ creativi aiuta (ad esempio si può sfogare la rabbia su un cuscino o su un peluche), ma nella maggior parte dei casi il solo dare voce alle emozioni inespresse della vostra bambina la aiuterà a passare oltre e placherà la sua collera.
In questi casi è importante non farsi prendere dall’ansia e dimostrarsi accoglienti e sereni.
Mostrare un’eccessiva attenzione o preoccupazione per l’accaduto potrebbe indurre la bambina a pensare che questo comportamento possa attirare su di sé la vostra attenzione ed ottenere quindi l’effetto contrario.
Un caro Saluto,
Manola Farinazzo
Pedagogista ANPE

Approfondimento consigliato: la collera nei bambini

Torna all'elenco "domande / risposte"
 
Ricerca personalizzata
 
 
bad credit personal loans
debt management bank loans interest only loan internet banking Credit Report interest only mortage payment student loan consolidation interest only mortgage calculator mortage brokers business loans credit card debt
Educazione dei bambini, la scuola, l'asilo, il sorriso, la risata, il comportamento, le malattie, l'apprendimento.
Cosa fare se il bimbo..., bambini all'asilo nido, indovinelli, filastrocche.
[ATTENZIONE: educazionebambini.org propone contenuti a solo scopo informativo e che in nessun caso possono sostituire la visita specialistica pedagogica.]
(Tutti i contenuti scientifici sono forniti dai professionisti iscritti, sono vietate forme di riproduzione o di distribuzione senza autorizzazione.)