Immagine di home page
Cosa fare se il bambino, educazione del bimbo, giochi per bambini, filastrocche, scuola, libri, tv, videogiochi, fiabe, poesie, asilo, apprendimento

   
 
L'esperto risponde
Cosa fare se
Approfondimenti
La socializzazione
Giochi per bambini
Ninne nanne
Indovinelli
Poesie per bambini
Fiabe per bambini
Il castigo
Asilo nido
 
 


..Leggi Le Nostre Meravigliose Filastrocche..
 
 


  Mamma separata con figli

Domanda: Buongiorno, mi chiamo Gianna, mia figlia ha 10 anni e, nonostante la separazione tra me e mio marito, non ha subito cali scolastici in quanto vive serenamente il cambiamento.
Sento spesso parlare di bambini con problematiche scolastiche e vorrei ottenere informazioni sui bambini che vanno bene a scuola per accertare che esistono anche questi casi!!
Grazie.

Riposta dell'esperto: Gentile signora, la sua domanda mi fa pensare a quante differenze esistono tra le richieste scolastiche e le richieste della vita; non a caso molte persone che si sono realizzate nel lavoro hanno avuto una carriera scolastica in salita.
La sua domanda mi fa soffermare anche sulla "Teoria delle Intelligenze Multiple" e non sulle sole abilità verbali e logico-matematiche gettonatissime nell'ambito scolastico appartenente alla nostra cultura.
Chi sono le persone più capaci? Quelle che hanno attivato il maggior numero possibile di abilità cognitive ed emotive.
I bambini ritenuti e non ritenuti bravi a scuola sono spesso limitati dalle richieste scolastiche e indirizzati a sviluppare abilità di attenzione-concentrazione, verbali (di letto-scrittura, di comprensione,...), logico-matematiche (di calcolo, di ragionamento,...), considerando poco o per nulla tutte le altre (musicali, artistiche, emotive, fisiche-cinestesiche,...) e, soprattutto, troppo spesso senza utilizzare le competenze e le abilità "secondarie" (attraverso il gioco, la manipolazione di materiali diversi, le esperienze concrete usando il proprio corpo, la musica, la pittura,...) per sviluppare quelle ritenute più importanti, ossia più razionali, nella nostra società occidentale. Eccezione fatta, a volte, per i bambini ritenuti con difficoltà (o con diverse competenze e consapevolezze?) per i quali ci si attiva con modalità diverse per permettere loro un apprendimento su misura.
Mi domando: sarebbe utile, produttivo e più divertente usare metodologie diverse per tutta la classe, variando veramente modalità, approcci, comunicazioni e tecniche di insegnamento?
Esistono insegnanti che attuano ciò, informandosi e formandosi con passione e ottenendo grandi risultati, primi fra tutti l'amore dei bambini per l'apprendimento e l'indipendenza dei loro pensieri e ragionamenti, staccandosi da richieste assurde di studi mnemonici ed esecuzioni perfette e tutte uguali da bravi soldatini, trascurando la cosa più importante delle persone grandi e piccole che siano: la loro preziosa individualità e, quindi, i loro talenti, i loro desideri e i loro bisogni.
La ringrazio signora per aver posto questa originale domanda e spero, con questa risposta, di aver offerto ai nostri lettori spunti di riflessione per sè, per i loro figli, per il loro futuro e per la nostra scuola.
La pedagogista Deborah Turrini
Coordinatore Regionale ANPE-Veneto

Approfondimento consigliato: la teoria delle intelligenze multiple

Torna all'elenco "domande / risposte"
 
Ricerca personalizzata
 
 
bad credit personal loans
debt management bank loans interest only loan internet banking Credit Report interest only mortage payment student loan consolidation interest only mortgage calculator mortage brokers business loans credit card debt
Educazione dei bambini, la scuola, l'asilo, il sorriso, la risata, il comportamento, le malattie, l'apprendimento.
Cosa fare se il bimbo..., bambini all'asilo nido, indovinelli, filastrocche.
[ATTENZIONE: educazionebambini.org propone contenuti a solo scopo informativo e che in nessun caso possono sostituire la visita specialistica pedagogica.]
(Tutti i contenuti scientifici sono forniti dai professionisti iscritti, sono vietate forme di riproduzione o di distribuzione senza autorizzazione.)