Immagine di home page
Cosa fare se il bambino, educazione del bimbo, giochi per bambini, filastrocche, scuola, libri, tv, videogiochi, fiabe, poesie, asilo, apprendimento

   
 
L'esperto risponde
Cosa fare se
Approfondimenti
La socializzazione
Giochi per bambini
Ninne nanne
Indovinelli
Poesie per bambini
Fiabe per bambini
Il castigo
Asilo nido
 
 


..Leggi Le Nostre Meravigliose Filastrocche..
 
 


  Approfondimento - Il gioco

Il gioco: L'attività ludica assume nell'uomo, soprattutto negli individui giovani, una grande occasione di sviluppo a vari livelli: motorio, intellettuale, sociale ed emotivo.
Il gioco può essere puro divertimento, oppure assumere carattere di trastullo quando si articola in regole informali per cui finge, imita e partecipa di una continua invenzione, infine può diventare gioco strutturato secondo regole formali, finalizzato e orientato alla competizione fino allo sport, quando si esplica attraverso lo sforzo e la destrezza fisica.
Il gioco è stato fatto oggetto di studi approfonditi dalla psicologia infantile, con riferiment specifici a PIAGET, FREUD E D.W.WINNICOT.
Piaget riferisce la relazione stretta fra le caratteristiche che assume il gioco e le caratteristiche dei processi mentali di cui diventa capace il bambino distinguendo varie fasi nell'evoluzione del gioco infantile:
- il gioco percettivo-motorio, in cui il bambino rafforza il proprio senso di sicurezza nella capacità di "produrre eventi" (lanciando, trattenendo, etc.);
- il gioco simbolico individuale intorno ai due anni, in cui il bambino esperisce la capacità di immaginare la realtà non presente e con essa il linguaggio verbale per raccontarsi e raccontare storie ad un compagno immaginario;
- i giochi sociali verso i cinque anni, in cui il bambino acquisisce la capacità di tenere in conto degli altri;
- i giochi con regole verso i sette-otto anni, in cui diventa determinante la comprensione e il rispetto di determinate norme;
- giochi più evoluti verso gli undici-dodici anni, in cui il ragazzo avvia la capacità di fare ipotesi per dedurne delle conseguenze (es. il gioco degli scacchi).
La relazione fra gioco e sviluppo affettivo-emotivo è stata affrontata da Freud, il quale dà al gioco simbolico e già a quello senso-motorio il compito di caricarsi di un simbolismo inconscio: l'attività ludica, in altre parole, assumerebbe il compito di dominare timori ed ansia da un lato e dall'altro soddisfare sul piano concreto le situazioni di carica aggressiva che l'ambiente fisico e sociale non permettono e così facendo assicurerebbe un migliore equilibrio emotivo.
Particolarmente interessante è la teoria di Winnicot rispetto agli "oggetti transizionali" nei bambini piccoli, cioè la sostituzione di oggetti (bambole, fazzoletti, coperte, peluche etc.) a fondamento del senso di sicurezza che più avanti avverrà nei bambini dai buoni rapporti che sapranno stabilire con le persone.
Lo stretto rapporto fra gioco e vita psichica ha portato a servirsi dell'attività ludica per scopi terapeutici e psicodiagnostici.
Lettura consigliata: "Il gioco che fa crescere" di M. Bettetini, Ed. San Paolo, Cles (TN) 2010.

Domanda / risposta correlata: Atteggiamenti di gelosia per i propri oggetti...

Torna all'elenco approfondimenti
 
Ricerca personalizzata
 
 
bad credit personal loans
debt management bank loans interest only loan internet banking Credit Report interest only mortage payment student loan consolidation interest only mortgage calculator mortage brokers business loans credit card debt
Educazione dei bambini, la scuola, l'asilo, il sorriso, la risata, il comportamento, le malattie, l'apprendimento.
Cosa fare se il bimbo..., bambini all'asilo nido, indovinelli, filastrocche.
[ATTENZIONE: educazionebambini.org propone contenuti a solo scopo informativo e che in nessun caso possono sostituire la visita specialistica pedagogica.]
(Tutti i contenuti scientifici sono forniti dai professionisti iscritti, sono vietate forme di riproduzione o di distribuzione senza autorizzazione.)